Home 
 

Mercurio

Descrizione

Mercurio è il pianeta più vicino al Sole e l'ottavo in ordine di grandezza. Conosciuto sin dal tempo dei Sumeri (terzo millennio a.C.), il suo nome, tratto dalla mitologia greca, deriva da quello del messaggero degli dei, probabilmente a causa della sua rapidità di moto nel cielo. Per i Romani era invece il dio del commercio e il protettore dei ladri.
Risulta a volte visibile ad occhio nudo, anche se è difficilmente osservabile in quanto sempre troppo vicino al Sole, la magnitudine apparente al massimo dello splendore è di -1. La magnitudine indica la luminosità di una stella vista dalla Terra misurata in una scala standard (logaritmica, secondo la sensibilità dell’occhio umano), quanto più debole è la luminosità di una stella, tanto maggiore è la sua magnitudine. Per esempio una stella di magnitudine 1 è 2,5 volte meno splendente di una di magnitudine 0, 2,52=6 volte meno luminosa di una di magnitudine -1, 2,53=15 volte meno luminosa di una di magnitudine -2 e così via. Poiché le stelle si trovano a diverse distanze da noi e oggetti ugualmente luminosi ci appaiono tanto meno splendenti quanto più sono lontani, la magnitudine da sola non può dirci nulla riguardo alla reale emissione di una stella.

Torniamo a Mercurio, si tratta di un pianeta poco più grande della Luna, con un raggio di 2.439 km, senza atmosfera e con tanti crateri. La temperatura sulla sua superficie, nella parte esposta al Sole, raggiunge i 465 gradi centigradi, mentre nella parte al buio scende a 200 gradi sotto zero. Il pianeta è situato alla distanza di 0,39 U.A.,compie un giro attorno al Sole in 88 giorni terrestri viaggiando alla velocità di 50 km/s; il più veloce di tutti i pianeti. Sino al 1962 si credeva che il "giorno" di Mercurio avesse la stessa durata del suo "anno", cioè che la rotazione attorno al proprio asse fosse sincrona con il suo moto orbitale. Nel 1965, misure effettuate con il radar hanno rivelato che Mercurio ruota attorno al proprio asse, pressoché perpendicolare al piano orbitale, con un periodo di 59 giorni circa. Compie tre rotazioni su se stesso ogni due rivoluzioni. Se uno volesse rimanere un giorno intero su Mercurio dovrebbe starci 176 giorni terrestri. Una sola navicella spaziale, il Mariner 10 lo ha sorvolato tre volte tra il 1973 ed il 1974 esplorando solo il 45% della sua superficie. Una nuova missione, la sonda Messenger, è già stata lanciata nell’agosto del 2004 e si prevede che entrerà in orbita attorno a Mercurio nel 2008 e inizierà la sua missione scientifica nel 2011.



Osservatorio Astronomico di Bologna · Dipartimento di Astronomia · Via Ranzani, 1 Bologna ·