Urano, HST Anelli di Urano, Voyager 2 NASA
   
Home 
 

Urano

Descrizione

Urano nella mitologia greca era la prima e suprema divinità: padre di Saturno, dei Ciclopi e dei Titani. Urano è il primo dei pianeti del Sistema solare non ancora noti agli antichi, ha infatti una magnitudine apparente (al massimo della luminosità) pari a +5,5, al limite della visibilità ad occhio nudo. Non era noto storicamente, infatti fu scoperto nel 1781 da William Herschel. È il settimo pianeta per distanza dal Sole e il terzo in grandezza con un raggio di 14.531 km. Alla distanza di 19 U.A., il pianeta appare come un dischetto di 4" (secondi di arco). Urano impiega 84 anni per compiere una rivoluzione attorno al Sole percorrendo l’orbita ad una velocità di 6,8 km/s. Mentre la maggior parte dei pianeti del Sistema solare ha l'asse di rotazione quasi perpendicolare all'eclittica, Urano invece lo ha quasi parallelo e per questo il Sole è visibile da uno stesso polo per 42 anni terrestri . Se i pianeti “ruotano” intorno al Sole si può ben dire che Urano “rotola” attorno al Sole. Forse quest' anomala inclinazione dell'asse di rotazione è dovuta ad una collisione con un corpo di massa simile a quella della Terra. Osservato da Terra il pianeta appare come un disco verdastro in cui si distinguono striature simili alla strutture a bande di Giove. Nel 1977 osservazioni basate sull'occultazione di stelle da parte del pianeta mostrarono che possedeva un sistema di anelli simile a quello di Saturno. Sono 11, molto scuri e che non si possono vedere dalla Terra. L'unica sonda spaziale che lo ha avvicinato è stata la Voyager 2 nel gennaio 1986, dopo aver visitato Giove e Saturno. Anch’ esso ha un gran numero di satelliti, tra cui il principale è Titania .



Osservatorio Astronomico di Bologna · Dipartimento di Astronomia · Via Ranzani, 1 Bologna ·