Cometa C/2001 Q4 (Neat) Kitt peak Observatory Cometa Hyakutake HST Cometa Hale Bopp National Astronomical Observatory Japan Asteroide Gaspra Jet Propulsion Laboratoy Asteroide Idra Jet Propulsion Laboratory
   
Home 
 

Piccoli corpi

Gli Asteroidi (detti anche pianetini, in inglese minor planet), le Comete, la maggiore parte dei corpi TransNettuniani e gli oggetti minori che si incontrano nel Sistema solare sono ora raggruppati sotto l'etichetta di Piccoli corpi.

Asteroidi

Hanno una composizione chimica che è ancora praticamente quella delle prime fasi della nascita del Sistema solare. Essi non hanno infatti subito, nel tempo, quelle modificazioni chimiche e geologiche conseguenti alla aggregazione delle masse dei pianeti interni ed esterni. Gli Asteroidi (o pianetini) sono corpi rocciosi abbastanza piccoli compresi in una zona chiamata Fascia degli Asteroidi tra le orbite di Marte e Giove. Il primo Asteroide Pallade fu scoperto nel 1802 a cui seguirono Giunone e Vesta nel 1807. Oggi si conoscono diverse migliaia di Asteroidi e di circa 2.000 è stata determinata l’orbita. Solo una mezza dozzina hanno un diametro superiore ai 300 km, mentre i più piccoli hanno dimensioni di qualche chilometro. Si ritiene che la massa complessiva dei pianetini tra Marte e Giove sia inferiore a quella della Luna. Le loro orbite intorno al Sole hanno le eccentricità più disparate: da quasi circolari a fortemente ellittiche. Alcuni hanno orbite anomale; ad esempio quella di Icaro è particolare in quanto penetra addirittura nell'orbita di Mercurio. Due gruppi di Asteroidi, i Troiani, si trovano nell'orbita di Giove. Un gruppo precede il pianeta gigante in una posizione tale da formare con Giove e il Sole i tre vertici di un triangolo equilatero; una situazione di equilibrio prevista dalla Meccanica Celeste. Per quanto riguarda l'ipotesi della formazione dei pianetini si suppone che si tratti di materiale originario che non è riuscito ad agglomerarsi in un pianeta. Di conseguenza la mancanza di azione aggregante da parte della gravità ha determinato la tipica forma irregolare di questi corpi celesti. In questi ultimi anni la ricerca astronomica ha inoltre mostrato come una parte cospicua di questi oggetti sia situata anche in un'altra fascia oltre l'orbita di Nettuno: essi vengono detti transnettuniani.

Comete

Le comete sono i più spettacolari dei corpi minori del Sistema solare. Sono di piccola massa e gravitano intorno al Sole su orbite di grande eccentricità. Ad oggi ne sono state osservate e catalogate diverse centinaia. Le comete si classificano in base al tipo di orbita. Vi sono periodiche con orbite ellittiche e breve periodo di rivoluzione (minore di 100 anni). Queste sono abbastanza frequenti e ritornano ad apparire nel Sistema solare. La cometa Encke è quella a più breve periodo (circa 3,3 anni) infatti ne sono stati osservati ben 46 passaggi. Si osservano anche comete a lungo periodo con periodi di rivoluzione compresi tra 100 ed 1 milione di anni e orbite quasi paraboliche. Infine ci sono comete con orbite iperboliche che, una volta comparse, si allontanano dal Sistema solare senza farvi più ritorno. Le comete con il loro apparire improvviso e l'irregolarità e bizzarria dei loro moti anche fuori della fascia zodiacale percorsa dai pianeti, con le loro strane chiome variabili da una notte all'altra per forma, splendore e lunghezza confondevano completamente gli osservatori. Essi non capivano se le comete erano oggetti astronomici o fenomeni temporanei dell'atmosfera, magari puramente ottici. Gli antichi inoltre avevano una pessima opinione delle comete. Le loro apparizioni, in quanto non previste, erano presagio di avvenimenti luttuosi o addirittura la causa stessa del disastro. Una cometa apparsa dopo l'uccisione di Cesare fu considerata come la dimostrazione della sua apoteosi; un'altra seguita dalla peste a Costantinopoli (che causò la morte di 300.000 persone) ne fu considerata la causa diretta. Le cronache del Medioevo tramandano un elenco di comete che vennero associate alla morte di altrettanti re, catastrofi naturali o, perlomeno, eventi fuori dell'ordinario. Molte di queste comete altro non erano che l'apparizione periodica della cometa di Halley. Soltanto con Newton e Halley le comete tornarono ad occupare il ruolo loro spettante tra i corpi celesti del Sistema solare: oggetti che compiono rivoluzioni attorno al Sole seguendo le leggi di Keplero.



Osservatorio Astronomico di Bologna · Dipartimento di Astronomia · Via Ranzani, 1 Bologna ·